Napoli e Palermo, le due ex-capitali si uniscono in musica nel brano “Comm’a primma vota” una collaborazione fra i tre artisti emergenti Rayo, Gyuse e David Seppia

Si tratta di un brano prodotto da Nyobass in cui si uniscono vari linguaggi, come il napoletano, l’italiano ed il siciliano, su di un tappeto prevalentemente trapsoul. 

Per la città partenopea troviamo Rayo e Gyuse, rispettivamente classe ’99 e ’98. Entrambi si muovono nel mondo dell’Hip-hop, fra trap ed r&b. I primi brani di Rayo, infatti, si caratterizzano per delle sonorità prettamente trap, mentre Gyuse strizza l’occhio al ritmo ed al blues. 

Dalla Sicilia invece, precisamente da Palermo, troviamo David Seppia le cui sonorità sono prettamente indie-pop. 

Il brano è dunque un mix non solo di italiano e dialetti, ma anche di suoni diversi, mondi che vengono amalgamati e che racconta di amori ormai finiti ma il cui ricordo tutt’ora emoziona. 

Li abbiamo intervistati per approfondire la creazione di questo brano e la loro musica. 

Salve ragazzi, parlando di prime volte, come vi siete avvicinati alla musica e quando avete capito di voler fare musica?

Gyuse: Mi sono avvicinato alla musica da piccolo all’età di 12 anni perché sentivo l’esigenza di scrivere cose mie e di raccontare la mia storia.
C’è sempre un pò di me in ogni cosa che scrivo.

David Seppia: Ho iniziato questo percorso musicale all’età di 15 anni, cantando e iniziando a scrivere con la speranza di dare input positivi alle persone che ascoltassero le mie canzoni.

Rayo: Mi sono avvicinato alla musica grazie ad una canzone di Mengoni, l’Essenziale vincitrice a Sanremo. Iniziai a cantarla ed i miei amici mi diedero
la motivazione giusta per intraprendere questo percorso. Iniziai a scrivere su type beat di generi diversi, poi ho avuto esigenza di imparare a suonare la chitarra. Sono me stesso con la musica, ne ho bisogno. Come l’essere umano ha bisogno dell’ossigeno per respirare.

I vostri sono 3 mondi diversi, ma simili, fra rap, r&b ed indie. Come vi è venuta l’idea di unirli e com’è stato?

Gyuse: L’idea di unirli è stato frutto di un’intuizione del nostro produttore Nyobass, che conosce bene le nostre attitudini musicali, ed ha prodotto un beat coerente con i nostri 3 mondi musicali. La musica è ricerca, contaminazione e condivisione ed abbiamo lavorato a questo brano proprio con questo spirito.

Quali sono gli artisti che più influenzano la vostra musica e che hanno influenzato il brano? Avete degli artisti in comune?

Gyuse: L’artista che più influenza la mia musica credo sia Juice Wrld e anche in questo brano ci sono parole che riportano a lui.

David Seppia: C’è sempre del poetico a cui mi ispiro, come ad esempio Cesare Cremonini.

Rayo: Il mio Idolo tutto ora È Drake, ma ce ne sono tantissimi da Burnaboy a J Balvin, da Celentano a Mammhod.

Tutti: Gli artisti che abbiamo in comune come riferimento sono i grandi cantautori italiani che hanno fatto la storia come Dalla, Gaetano, Battisti.

Al di là dei mondi musicali, è interessante sentire sulla stessa traccia napoletano, italiano e un po’ di siciliano. Com’è nata questa idea?

Rayo: L’idea di unirli è stata tanto semplice quanto spontanea. Io già canto in napoletano, Gyuse in italiano, David Seppia è palermitano ed il gioco è fatto. É stato stimolante ed anche divertente raccontare un sentimento cosi semplice, ma allo stesso misterioso come l’amore, come l’infatuazione della prima volta vista dagli occhi di tre ragazzi diversi e provenienti da contesti dissimili.

“Comm’a primma vota” esce per Future Artist da 2 anni attivo. Cosa significa emergere in una situazione in cui la musica non sembra essere la priorità?

David Seppia: Penso che la musica, come l’arte in generale sia il termometro della società, misura il suo stato di salute e di umanità. In questo periodo storico forse prevale più la forma che il contenuto, più l’intrattenimento che la cultura. Quindi soprattutto per chi ha un messaggio più profondo da comunicare ha difficoltà ad attirare l’attenzione. Emergere quindi è una vera e propria impresa, ma basta trovare le persone giuste con cui condividere questa passione (ed io le ho ritrovate nel mio produttore e negli altri artisti emergenti di Future Artist), crederci e man mano, passo dopo passo, si arriva sempre a più persone anche senza il supporto di mass media convenzionali.
Basta non mollare mai!

Rapper Studio
Rayo, Gyuse e David Seppia in studio