La storia di una città passa attraverso le sue strade. Nel cuore di Napoli troviamo i Quartieri Spagnoli, segno tangibile del passaggio dei Borboni.

Quando si parla di quest’area della città partenopea ci si riferisce in particolare ai quartieri San Ferdinando, Avvocata e Montecalvario. Quest’ultimi sorgono intorno al XVI secolo per accogliere i militari spagnoli.

I Quartieri non hanno avuto vita facile, fin dalla loro nascita, infatti, presentarono fenomeni di criminalità e soprattutto prostituzione, legata alla continua ricerca di “divertimento” da parte dei soldati spagnoli e nonostante l’emanazione di alcune apposite leggi la situazione non cambiò di molto.

Dal sedicesimo secolo ad oggi di cose ne sono cambiate, oggi ad esempio i quartieri pullulano di turisti, in primis per la storia intrinseca in ogni vicolo, ma anche per varie attrazioni, fra cui le opere di Street Art.

Murales-StreetArt-Napoli
Foto Daniele Carrano (2018)

Come scritto in un articolo precedente, i Quartieri Spagnoli negli anni 2000 sono diventati la tela delle opere di Cyop & Kaf. Già dagli anni Ottanta però i suoi vicoli iniziarono a colorarsi, soprattutto di azzurro.

L’arte urbana in questa zona della città è stata soprattutto spontaneità. Con i trionfi della squadra partenopea, infatti, tante sono state le opere realizzate. Celebre è il Maradona di Mario Filardi, restaurato poi nel 2016 ed oggi diventata un luogo di culto, ma passeggiando possiamo trovarne ancora altre.

In Via Emanuele De Deo, vicino Maradona, dal 2017 troviamo Iside di Bosoletti.

Le informazione da sapere su questa facciata sono varie. In primis l’opera va guardata in negativo, con l’aiuto dei nostri smartphone, permettendoci di apprezzarne maggioramente la profondità ed i dettagli.

Qui Bosoletti ha scelto di portare in strada la Pudicizia di Antonio Corradini presente nella Cappella San Severo di Napoli. Attraverso Iside quindi viene omaggiata il patrimonio artistico della città.

Murales-StreetArt-Napoli
Foto Daniele Carrano

Presso l’ex Palzzetto Urban, invece, troviamo Ipazia di MP5 e La Tarantina di Vittorio Valente, due opere davvero importanti, situate in una location ad hoc. Si tratta di un edificio dedicato al sostegno delle donne, non è un caso quindi che al suo ingresso oggi troviamo una figura importante come quella di Ipazia.

Murales-StreetArt-Napoli
Foto Daniele Carrano

Nel 2019 è nato poi Vico Totò. Nei pressi della fondazione Foqus, tutto la strada si è riempita di murales dedicati al Principe della risate con oltre 20 artisti.

Nello stesso anno, Leticia Mandragora per Assafà Social Street Art festival, ha omaggiato Eleonora Piementel Fonseca. Un grande ritratto della protagonista della repubblica napoletana del 1799.

Mural-StreetArt-Napoli
Foto Daniele Carrano

Dal centro di Quartieri verso la Pignasecca, invece, troviamo il volto di Mattia un bimbo che ha sofferto sin dalla nascita di una rara malattia chiamata Sindrome di Sandhoff, realizzato da Diavù, ed all’uscita della stazione di Montesanto gli omaggi a grandi figura partenopee di Roxy in The Box.

Meno imponenti, ma comunque che non passano sott’occhio sono i tanti poster ritraenti Maradona di San Spiga, oppure i ritratti di Massimo Troisi, Pino Daniele e Totò di Leone Peretti e tante altre piccole opere.

Centrale per la realizzazione di molte di queste opere (Bosoletti e San Spiga, ad esempio) è stato l’intervento di Salvatore Iodice, falegname e artista (di cui troviamo in giro anche vari poster), da tempo impegnato sul territorio per valorizzare la città attraverso l’arte e l’artigianato con il suo progetto Miniera.

Poster
Foto Daniele Carrano

Guarda il nostro Vlog per scoprire i Quartieri Spagnoli ed altre opere:

MAPPA – opere da vedere

Ipazia, MP5, ex Palazzetto Urban

La Tarantina, Vittorio Valiente, ex Palazzetto Urban

Vico Lungo Gelso, Cyop & Kaf [altre opere sparse nei quartieri]

Maradona, San Spiga, Vico Tre Regine [altre opere sparse nei quartieri]

Irene Lasvita, Vico Tre Regine

Vico totò, Via Portacarrese a Montecalvario

Maradona, Mario Filardi – S.Iodice e Bosoletti (2016), Via Emanuele de Deo

Iside, Bosoletti, Via Emanuele de Deo

Afrodite, Carlos Atoche, Vico Canale-Vico San Sepolco

Eleonora Pimentel Fonseca, Leticia Mandragora, ex mercatino di Sant’Anna di Palazzo

Mattia, Diavù, Piazza Pignasecca