Rap Messicano, Gera MX con la sua Rich Vagos Ent.

Se si pensa al rap d’oltreoceano, inevitabilmente si pensa agli Stati Uniti d’America, ma la cultura urbana è entrata nel tessuto sociale di ogni paese. Scendendo verso sud, infatti, è possibile incontrare importanti storie di riscatto.

In Messico, dove a proposito di cultura urbana non si può non pensare al muralismo, precedente ai Graffiti e alla Street Art, per i più curiosi vale la pena conoscere Gera MX, all’anagrafe Gerardo Daniel Torres Montante.

Nato nei quartieri di Monterrey e cresciuto a San Luis Potosi, Gerardo vive un’ infanzia molto difficile a causa di una situazione familiare poco felice. La musica arriva per gioco, rappando con i compagni di classe e facendosi notare per il suo timbro di voce ed il freestyle. Nonostante riscontri discreto successo, la sua carriera non prenderà subito il volo, fin quando non entrerà nella crew “Reprimidos Clan“.

Da questo momento inizia la sua ascesa, assumendo il nickname di “El cachorro”, che spesso sentiremo citare all’inizio di ogni suo pezzo. Il suo è un rap intimo, conscio, come testimonia il primo album nel 2015, Precipio. Qui Gerardo racconterà le sue avventure d’infanzia, le difficoltà nel trovare soldi e un lavoro per andare avanti, una situazione purtroppo comune a tanti altri ragazzi.

A poco a poco il suo nome comincia a diventare sempre più forte e nel 2017 con l’album Los niños grandes no juegan riesce a raggiungere la fama. Tracce come “Nunca te pude alcanzar” segnano la sua strada per il successo. La canzone riceve milioni di stream ed esplode su Spotify, Youtube e Soundcloud.

Un’importante evoluzione avviene nel 2019, con l’esplosione di El vicio y la fama, album che contiene hit quali “Despido a cupido“, “Que chula mi ciudad” e “Cuarto de hotel“.

Il sound è molto più ricercato e maturo, i testi colpiscono e la sua caratteristica voce bassa abbinata alle sue rime taglienti diventano il suo marchio di fabbrica. A fare breccia è però il suo storytelling, uno stream of consciousness, semplice e diretto, che riesce a trascinarci nel suo mondo.

Tra I vari progetti musicali, riesce a creare una sua label indipendente: Rich Vagos Ent. Al suo interno troviamo artisti come Jay Romero, Samantha Barron e Bipo Montana, nuovi astri nascenti del nuovo rap made in mexico.

Il successo di Gera non smette di crescere. Nella primavera 2021 esce “Botella tras botella“, una romantic ballad insieme a Christian Nodal che nel giro di pochi mesi è al primo posto delle classifiche sudamericane.

Sull’onda di questa crescita, arriva un’importante collaborazione in una caldissima estate con uno dei rapper più in voga di Spagna: Rels b. Il brano è una perla, una mescolanza di ritmi e sonorità latine che si fondono. Lo spagnolo e il messicano, due facce della stessa medaglia che compongono una canzone estiva, malinconica, romantica e travolgente.

Il video conta oltre 50 milioni di views su Youtube ed è uno dei più grandi successi musicali del rapper messicano. Se avete voglia di una canzone dal sapore di estate e tanta voglia di stare nel chilling, è questa la hit giusta.

Con l’avvento del 2022, i progetti non si fermano, un nuovo album è in produzione.

Nonostante la difficile situazione sociale, nel mondo dell’arte e della musica, il Messico continua a fiorire e a splendere. I nuovi artisti nell’etichetta di Gera MX ne sono una testimonianza. C’è voglia di raccontare e di lasciare il segno.

Le mescolanze soprattuto con sound brasiliani rendono tutto affascinante e irresistibile.

Altri articoli

Santo Diego: santificazione artistica e popolare

Dal 2018 nelle strade di Napoli un occhio attento...

30 ottobre 2022, San Giovanni festeggia Maradona

Il 30 ottobre 2022 alle ore 22:00 si terrà...

Quotidianità ed imprevedibilità: intervista ad Alessandro Scarano

“Io vedo, sento, dunque noto, guardo e penso” Roland...

LIT, l’afro-sound di Napoli a cura di Jesa

L’Italia sta cambiando, Napoli sta cambiando, e c’è chi...

Napoli e street art, fra passione e turismo

Fra la città di Napoli ed il calcio c'è...

Gennaro, il murale fra arte e culto

É il 19 settembre del 2015, l'arte urbana non...
- Pubblicità -

Altri articoli

Santo Diego: santificazione artistica e popolare

Dal 2018 nelle strade di Napoli un occhio attento...

30 ottobre 2022, San Giovanni festeggia Maradona

Il 30 ottobre 2022 alle ore 22:00 si terrà...

Quotidianità ed imprevedibilità: intervista ad Alessandro Scarano

“Io vedo, sento, dunque noto, guardo e penso” Roland...

LIT, l’afro-sound di Napoli a cura di Jesa

L’Italia sta cambiando, Napoli sta cambiando, e c’è chi...

Napoli e street art, fra passione e turismo

Fra la città di Napoli ed il calcio c'è...

Gennaro, il murale fra arte e culto

É il 19 settembre del 2015, l'arte urbana non...
- Advertisement -